-->

12 giugno 2017

Quattro chiacchiere in compagnia: il mio viaggio a Rodi!

Quattro chiacchiere in compagnia non fanno mai male e allora ho deciso di raccontarvi com’è andato il mio viaggio a Rodi con famiglia al seguito.
Parto con il dirvi che erano ben sette anni che non prendevo un aereo, prima dell’arrivo dei bambini, io e mio marito eravamo dei viaggiatori assidui e temerari, ci piaceva visitare sempre nuovi posti e di voli ne abbiamo presi parecchi.
Poi sono arrivati i nostri mostricciatoli e non siamo più andati, abbiamo viaggiato ma sempre in auto.
Forse a bloccarci era, non solo la mancanza di soldi, ma anche un po’ di fifa, ci sembrava una fatica titanica organizzare un viaggio con passeggini, pannolini e mega valigie di cambi per neonati pasticcioni e quindi abbiamo aspettato.
Quest’anno ci siamo lanciati all’avventura e ci siamo divertiti un mondo.


Leonardo ed Elia hanno vissuto il viaggio in aereo come un lungo giro in giostra, emozionati ed eccitati guardavano ogni cosa con occhi sgranati.
L’arrivo e il pernottamento sono stati fantastici per non parlare poi delle sante ragazze che lavorano tutta l’estate per aiutare i genitori a rilassarsi un po’, le figliole del Mini Club sono state uniche e magiche.
Ma non voglio dilungarmi troppo nella descrizione della struttura preferisco parlarvi di cultura, storia e tradizioni.
Rodi è un isola dalle mille risorse che racchiude reperti storici e archeologici di notevole valore, architettura particolare, passato burrascoso e cibo interessante.
Tutta da scoprire si gira senza problemi in poche ore e lascia con il fiato sospeso per la bellezza del mare e la luminosità delle giornate.


La capitale è un tripudio di stili diversi perché a causa delle continue invasioni ogni popolo ha lasciato la sua firma tra le sue mura colossali.
Troviamo infatti reperti greco romani, come l’anfiteatro, il pantheon e lo stadio oppure tracce della conquista saracena, quindi fontane decorate in stile Mille e una notte e targate con scritte in arabo antico.
Poi c’è il periodo dei Cavalieri di Malta e quindi la costruzione di imponenti mura che circondano l’intera città, un ritorno al Medioevo forte e potente, con
bastioni, fossati e palle di cannone sparse ovunque.
Infine troviamo edifici austeri e quadratoni risalenti al dominio italiano post Prima Guerra Mondiale, tipico stile alla Mussolini che non lascia spazio a molti fronzoli.
Le curiosità sono davvero molte ma alcune mi hanno lasciato davvero a bocca aperta, come l’esigenza di costruire case sopraelevate perché ogni volta che scavano trovano resti antichi e i lavori vengono bloccati, oppure la presenza di piante di ficus benjamin enormi con radici così forti che riescono a sradicare una casa. E ancora le mille sfumature culturali, un mix perfetto di culture che si mescolano nella musica e nel cibo.
Ai confini della città di Rodi c’è una zona chiamata “Acropoli” dove ci sono cimiteri per ogni religione che ricoprono 6km quadrati di terreno, un immensa terra sacra dove ognuno può avere un posto per il suo credo.
Il cibo è forte, corposo e inteso, sapori speziati e piccanti ricchi di sole e
di vita, i dolci sono la quinta essenza della bontà ma sono talmente pieni di burro che rischi un infarto! ;D
La gente è gentile anche se chiusa ma gli italiani sono molto amati e questo ci da un certo vantaggio.
Rodi però non è solo storia ma anche natura, un paesaggio mediterraneo roccioso e variegato. La bellissima Valle delle Farfalle è una meta da non perdere nei mesi di luglio e agosto, un piccolo e delicato ecosistema nel quale nascono migliaia di farfalle che ricoprono ogni cosa.
Spiagge rocciose e di sabbia fine, windsurf e surf, acqua cristallina blu intenso, tutto questo è Rodi.
Unica tristezza è la presenza della crisi che si manifesta nell’abbandono di strutture, case e negozi. Un viaggio interessante e solare che unisce storia e natura, cultura e mare in un connubio favoloso.

2 commenti:

  1. Che belle foto, deve essere stato un fantastico viaggio! Anche noi il prossimo mese prenderemo l'aereo con il bimbo per la prima volta e sono terrorizzata, ho volato solo una volta da piccola e l'idea di tornare su un aereo mi spaventa... dovranno darmi una botta in testa e legarmi come un salame per farmi salire ahaha! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il viaggio è stato stupendo, per fortuna ho preso molte volte l'aereo prima di questa esperienza ma ero parecchio in ansia su come l'avrebbero vissuta i bimbi invece si sono divertiti un mondo e hanno distratto parecchio anche me! ;D

      Elimina