-->

18 luglio 2017

"Le fate delle Tenebre" di Holly Black

Come sempre resto indietro con le Recensioni e il motivo è semplicissimo: ultimamente sto dedicando una montagna di tempo alla lettura e quindi leggo più di quanto riesca a recensire.
Mi sento posseduta da una specie di smania che mi costringe a continuare a leggere e non riesco a fermarmi!
Meglio così, vista la mole di libri da smaltire!
Oggi voglio parlarvi dell’ennesimo libro di Holly Black che ho divorato, ebbene sì, da quando ho scoperto questa autrice è iniziata la folle ricerca di tutti i suoi scritti che adoro!
Anche in questo caso non sono rimasta delusa e Le Fate delle tenebre, primo romanzo della trilogia “A modern Faerie Tales”, si è rivelato bello, intrigante e complesso.


Cosa accadrebbe se improvvisamente veniste catapultati in un mondo popolato da creature magiche? E se queste creature non fossero buone e graziose come ci è sempre stato narrato nelle fiabe?
Questo è quello che succede a Kaye, giovane figlia di una rock star senza successo, che torna a vivere nella vecchia casa della nonna.
Kaye si ricorda perfettamente di aver avuto dei piccoli amici fatati, tre esserini che giocavano con lei e non la lasciavano mai sola ma, esistevano davvero o erano frutto della sua immaginazione? 
La ragazza è intenzionata a scoprirlo e ogni sera lascia sui gradini fuori casa una ciotola di latte. Ma il suo desiderio non tarderà a essere realizzato perché ben presto la sua vita verrà letteralmente stravolta!
Kaye si renderà conto che la sua fantasia ha ripercussioni sulla realtà e, quando
incontrerà un essere fatato nel bosco di fianco a casa, capirà che le cose non sono semplici come sembrano.
Roiben è un cavaliere del Regno delle Tenebre, una creatura magica potente e misteriosa, Kaye non potrà che restarne ammaliata e con coraggio lo aiuterà salvandogli la vita.
Questo gesto, però, avrà ripercussioni indescrivibili su di lei, si troverà coinvolta in una guerra che va aldilà di ogni immaginazione, un conflitto oscuro e controverso tra il Regno delle Tenebre e il Regno della Luce.
Ciò non significa che sia tra bene e male perché nel mondo delle fate non c’è un confine preciso, tutto è ambiguità e mistero e ciò che è male si mescola irrimediabilmente con ciò che è bene!
Holly Black è riuscita anche questa volta a creare un regno intrigante e terribilmente affascinante ma ambiguo e oscuro, un universo magico dove si muovono antichi essere dispettosi e crudeli che amano giocare con le vite degli umani e divertirsi a loro spese.
Le leggi che governano queste creature sono poche e intricate, con astuzia possono essere raggirate e manipolate ed è quello che succederà in questo romanzo.
La Black riesce a trasmetterci questa ambiguità, riesce a descriverci come si possa essere attratti da un mondo così ambiguo e oscuro, dove bene e male si mescolano e dove ciò che sembra luminoso e chiaro nasconde segreti e trabocchetti.
La trama è molto più complessa di quello che sembra e la storia pian piano si dipana davanti ai nostri occhi, tutti i nodi vengono al pettine e alla fine rimaniamo colpiti da come gli eventi siano stati abilmente controllati per giungere a un determinato scopo.
Tutto ha un perché e nulla è lasciato al caso.
Il mondo descritto della Black è cupo, i ragazzi bevono, si drogano, fanno sesso, sono problematici e hanno a che fare con adulti ancor più problematici.
Lo stesso vale per il regno magico dove non ci sono ammortizzatori o giri di parole: la violenza, il sangue e la morte sono descritte senza tanti fronzoli, non vengono fatti sconti e tutto risulta terribilmente dark.
La Mondadori a dato come target di lettura 12 anni ma sconsiglio vivamente di far leggere questo romanzo a un ragazzino di quell’età, le scene sono crude e la storia richiede una maggiore maturità.
Le Fate delle tenebre é una fiaba dalle forti tinte dark, un fantasy moderno che cattura e coinvolge fino alla fine, nonostante ciò non so se leggere gli altri volumi della trilogia, può darsi che più avanti cambi idea ma ho trovato la storia conclusa e leggendo qua e la ho scoperto che il secondo volume, Le fate sotto la città, non ha nulla a che fare con Kaye e Roiben.
Chissà, per ora mi fermo qui pienamente soddisfatta da questa lettura affascinante.

Valutazione


AUTRICE: La mamma di Holly Black l'ha cresciuta a forza di storie su fate, folletti e fantasmi: naturale che, da grande, abbia cominciato a scrivere storie fantasy. Oltre che pubblicare libri di successo, la Black colleziona bambole, cappelli e libri rari sul folklore. Per Mondadori ha pubblicato la trilogia "Fate delle tenebre" nel 2014 (La Fata delle tenebre, Le fate sotto la città e La guerra delle fate); il romanzo I segreti di Coldtown (2013), la serie "Spiderwick. Le cronache" scritta con Tony DiTerlizzi (Il libro dei segreti, La pietra magica, Il segreto di Lucinda, Albero d'argento, L'ira di Mulgarath) e Dollbones. La bambola di ossa (2014) insignito del Premio Newbery Honor. Nel 2014 esce Magisterium. L'anno di ferro, romanzo fantasy scritto con Cassandra Clare, primo di una nuova serie, cui segue La chiave di bronzo. Questo libro, come tutti gli altri suoi scritti, sono pubblicati in Italia da Mondadori. L'unica eccezione è rappresentata dalla serie "I buoni vicini" (Famiglia e Fata) pubblicati da Rizzoli Lizard nel 2011 e scritta con Ted Naifeh.

Nessun commento:

Posta un commento